Viaggi sempre più tecnologici entro il 2025

CWT

Viaggiare senza uno smartphone, tante app e la possibilità di essere informati in tempo reale su ogni aspetto della propria trasferta? Per i moderni traveller digitali è impensabile, tanto che questa propensione nei confronti delle tecnologie avrà un impatto sui piani di compagnie aeree e aeroporti nei prossimi cinque anni. Lo rivela il report “2025: air travel for digital age” pubblicato da Sita, fornitore di servizi IT per l'industria del trasporto aereo. Entro il 2025 il 68% dei passeggeri si aspetterà di usufruire del supporto delle tecnologie da quando esce di casa fino all’arrivo a destinazione. In particolare, vorrà accedere a numerosi servizi sul proprio dispositivo mobile, dalle notifiche per localizzare i bagagli ai pagamenti. Il tutto in un’unica esperienza senza intoppi che coinvolgerà scali, compagnie aeree, controlli alle frontiere e in aeroporto.

Ma quali tecnologie svolgeranno un ruolo chiave nei prossimi cinque anni? Secondo il 54% delle compagnie aeree, a rivoluzionare il modo di viaggiare sarà la biometria, che registrerà una forte crescita, sia in termini di diffusione geografica sia di funzionalità. Inoltre, i passeggeri daranno per scontato di trovare a bordo il wi-fi, che dovrà essere sempre più veloce. Ecco perché il 90% delle compagnie aeree ha pianificato investimenti nella banda larga nel corso del prossimo triennio, mentre si sta già pensando di portare a bordo il velocissimo 5G. Sarà indispensabile, però, diminuire le tariffe: se infatti con la connessione gratuita il 42% dei passeggeri si dichiara propenso a navigare, questa percentuale cala al 12% in caso di servizio a pagamento.

Anche la geolocalizzazione farà la parte del leone negli spostamenti dei prossimi cinque anni: ben il 79% delle aerolinee intende proporre servizi basati su questa tecnologia. Infine, l’IT migliorerà il servizio relativo ai bagagli, con grande soddisfazione dei passeggeri: secondo lo studio di Sita, infatti, quando le borse sono tracciate durante il check-in e l’imbarco le percentuali di furto e danneggiamento diminuiscono del 66%. L’attenzione dell’industria del trasporto aereo verso le tecnologie emerge anche da un altro studio di Sita, il 2019 Air Transport IT Insight. Ad esempio, ben il 90% dei vettori propone il web check-in e un ulteriore 2% conta di introdurre questo servizio entro il 2022. Inoltre, il 33% invia tramite app notifiche sui bagagli e l’81% sullo stato dei voli. E ancora, il 37% consente di contattare il servizio clienti tramite chatbot.



RESTA CONNESSO CON CWT

 

Se desideri entrare in contatto con noi per ricevere informazioni o iscriverti alla newsletter, clicca sul bottone qui sotto e compila il form.
 

Contattaci