Vuoi aiutare il pianeta? Scopri le tre regole d’oro dei viaggiatori “green”

CWT

Vuoi essere un viaggiatore d’affari “green”? Vuoi ridurre al minimo l’impatto ambientale delle tue trasferte? Allora segui le tre regole d’oro per viaggiare in maniera davvero eco-friendly, assumendo comportamenti responsabili e rispettosi del pianeta.

La prima regola? Rispetta le indicazioni della tua azienda in tema di politiche ambientali. «Molte aziende includono nelle travel policy dichiarazioni e istruzioni generiche riguardo ai viaggi ecosostenibili, ma ve ne sono altre che orientano i dipendenti verso alternative più rispettose dell'ambiente - afferma Chris Bowen, Managing Director Emea di CWT -. Ad esempio, incentivano il passaggio dai viaggi in aereo a quelli in treno, indicando un certo numero di chilometri o un limite di tempo al di sotto del quale non si può volare. E ancora, incoraggiano i viaggiatori a prenotare compagnie aeree dotate di flotte moderne e a basso consumo di carburante». In effetti oggi, in risposta a una crescente attenzione verso l’ambiente, molte imprese selezionano i fornitori anche in base al loro grado di sostenibilità (ad esempio, scelgono eco hotel costruiti e gestiti rispettando la natura). Inoltre, con il supporto della loro Tmc di fiducia, aderiscono a programmi di compensazione delle emissioni di CO2.

La riduzione dell’impatto ambientale, però, non dipende solo dalla scelta dei fornitori, ma anche dall’adozione di comportamenti virtuosi. Qualche esempio? Se fai shopping, utilizza buste in materiali biodegradabili. E invece di acquistare l’acqua minerale nelle bottiglie di PET, bevi l’acqua filtrata o, quando è sicura, quella del rubinetto. Inoltre, in hotel, fai cambiare gli asciugamani e le lenzuola solo quando è assolutamente necessario. A tavola evita piatti e posate di plastica e privilegia il consumo di alimenti locali, a chilometro zero. Infine, stai attento a tutta la supply chain. In che modo? «Mi vengono subito in mente alcuni esempi specifici - continua Chris Bowen – come l'introduzione di distributori di sapone liquido e shampoo da parte di molte catene alberghiere, in sostituzione dei singoli flaconi in plastica, e il trasporto delle forniture con auto ibride o elettriche».

Concludiamo con la terza regola: se hai del tempo libero tra un appuntamento di lavoro e l’altro, perché non partecipare a iniziative di volontariato e utili per la popolazione? Un esempio tra tutti: se passi per Bangkok, segui un corso della Courageous Kitchen, una scuola di cucina sociale che, oltre a insegnare la preparazione delle migliori ricette Thai, sostiene le famiglie più bisognose. E quando acquisti un souvenir, scegli prodotti del posto per favorire i lavoratori locali.



RESTA CONNESSO CON CWT

 

Se desideri entrare in contatto con noi per ricevere informazioni o iscriverti alla newsletter, clicca sul bottone qui sotto e compila il form.
 

Contattaci